I miei libri
Libri pdf
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish



Libri pdf
Home POLITICA Blog politico Quirinale s.p.a.

Quirinale s.p.a.


Share

Oggi, 29 Gennaio 2015, si sta svolgendo a Montecitorio, in seduta comune, come vuole la Costituzione (altra sorpresa), l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Nuovo perché sarebbe più probabile che Assange divenisse re d'Inghilterra che trovarsi un Napolitano III, anche se si sa che l'Italia è Paese estroso.

Scherzi a parte, due anni fa Bersani ebbe la dignità di dimettersi da segretario del Pd dopo che in quelle elezioni venne pugnalato alle spalle da anonimi del suo stesso partito.

Si sa le cose come siano andate.

Ora, la speranza per l'Italia è che qualcuno, all'oscuro di quelle tende nella Camera, sbagli di proposito, che qualcuno si opponga a tutto questo.

Al Patto del Nazareno, Berlusconi (ancora condannato) e Renzi (mai votato). Al cambio di regole prepotente che sta avvenendo in Italia ai danni della Costituzione e dei diritti personali (lasciano inalterati i poteri che si diceva di volere combattere). Ai nomi aberranti fatti circolare in queste ore: Muti, Magalli, Arbore o le autoproclamatesi Boldrini e Bonino o la Finocchiaro, per rimanere in rosa, o Vittorio Feltri, rabbrividisco a scriverlo, proposto da Lega e Fratelli d'Italia. A questi nomi da cartellone ci si sarebbe aspettati nomi seri, dove definire serio diventa filosofico. Invece abbiamo sentito i nomi di Prodi (aridaje), di Bersani (proposto dai Cinquestelle???) o Imposimato (sempre loro). Il nome, invece, proposto da questo partitino languido che è il Pd è l'ex democristiano Sergio Mattarella.

Riusciranno i nostri eroi a...

Lo sapremo non prima di qualche giorno.

Havremus Presidentem onestum???

Più facile che nevi d'estate.

 

---

RISULTATO PRIMO SCRUTINIO

Le schede bianche hanno vinto. Ha vinto il Primo Ministro che ha dato un ordine di scuderia chiaro che denota malizia e furbizia (che Bersani a suo tempo non ha avuto!), mettendo fuorigioco Berlusconi, che è ancora sotto condanna e non è presente alle votazioni, altra mossa vile e al tempo stesso "politica" (Berlusconi è stato sconfitto in doppiogiochismo).

Questo Primo Ministro dunque è malizioso, furbo, vile e "politico", tutti vizi che hanno fatto applaudire il popolo nell'immediato (salvo che questa volta la maggioranza del popolo non è con lui) e poi lo ha fatto piangere.

Se al Colle salirà Mattarella, Mattarella favorirà il Primo Ministro.

Se, però, salirà al Colle, Berlusconi dovrebbe sciogliere il Nazareno.

E si tornerà alle urne.

E se si tornasse alle urne, quale possibilità avrebbe il popolo italiano?

---