I miei libri
Libri pdf
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish



Libri pdf
Home POLITICA Blog politico Renzi, il golpista del silenzio, e la bischerata su Roma

Renzi, il golpista del silenzio, e la bischerata su Roma


Share

MI PENTO DI AVERE VOTATO QUESTO GOLPISTA ALLE PRIMARIE!!!

 

Proprio mentre in Venezuela e Ucraina ci sono gravi disordini sociali che stanno sfociando in tentativi di insurrezione e rivoluzione, nella placida Italia un golpe del silenzio sta portando alla carica di Primo Ministro un giovanissimo Matteo Renzi.

Renzi diventa così il più giovane leader europeo e diventerà anche il Primo Ministro più giovane della storia d'Italia, togliendo il posto al Mussolini della Marcia su Roma.

E questa può essere definitiva una bischerata su Roma, perché dovuta ai giochi di potere di Palazzo e perché non durerà che il tempo di un gioco.

Renzi aveva promesso:

a) di non ambire a poltrone;

b) di non volere diventare Primo Ministro (o almeno NON SENZA ELEZIONI!);


Invece? Invec diventa il terzo Primo Ministro scelto dal fallimentare e fedifrago riPresidente Napolitano, l'operato del quale è evidentemente disastroso, sia per quanto riguarda i sempre meno che lo seguono, sia a sentire le voci della strada le quali, per quanto parziali, danno spesso la temperatura media respirata tra il popolo.


Per questo giovane prestigiatore, traditore, ipocrita, basterà colorare di rosa la metà dei sedici scranni per avere il consenso di un popolo frustrato, sfruttato, incavolato, impoverito e stanco di questi governanti che sono davvero piccoli rispetto al monumento e stoico eroismo di tanta brava gente che manda avanti la nazione con il sacrificio reale e silente del proprio quotidiano lavoro?


Io credo di no!


I ministri:


Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio - GRAZIANO DELRIO;

ministro dell’Interno - ANGELINO ALFANO;

ministro del Lavoro e delle Politiche sociali - GIULIANO POLETTI;

ministro dell’Istruzione - STEFANIA GIANNINI;

ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti - MAURIZIO LUPI;

ministro dell’Economia - PIER CARLO PADOAN;

ministro della Salute - BEATRICE LORENZIN;

ministro delle Politiche Agricole - MAURIZIO MARTINA;

ministro della Difesa - ROBERTA PINOTTI;

ministro degli Affari regionali - MARIA CARMELA LANZETTA;

ministro per i Beni culturali e per il Turismo - DARIO FRANCESCHINI;

ministro della Giustizia - ANDREA ORLANDO;

ministro degli Esteri - FEDERICA MOGHERINI;

ministro delle Riforme e dei Rapporti con il Parlamento - MARIA ELENA BOSCHI;

ministro per lo Sviluppo Economico - FEDERICA GUIDI;

inistro dell’Ambiente - GIANLUCA GALLETTI;

ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione MARIANNA MADIA.

 

Questi i nomi. La riflessione è solo una. Alla domanda fu vera gloria? ovvero, Renzi l'ha fatto per il potere o per l'Italia, lascio rispondere voi.

Vi chiedo, solo, di rispondere prima ad una predomanda: per uno che ha fatto cadere il governo Letta perché non faceva abbastanza, perché non cambiava marcia, perché era fermo, quale coerenza c'è se poi del deposto governo fannullone tu, Renzi, prelevi 6 (evidenziati) componenti su 16?

 

PAGLIACCIO! FINE DELL'ITALIA! ULTIMO TENTATIVO DI DEBELLARE LA COSCIENZA DI UN POPOLO!