I miei libri
Libri pdf
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish



Libri pdf
Home POLITICA Blog politico Gli stessi slogan dei periodi di crisi

Gli stessi slogan dei periodi di crisi


Share

Studiare Storia. Molti alunni si chiedono, "perché?". "Serve?". "Serve a me che farò il meccanico, serve a me che non leggerò mai la biografia di un personaggio del passato...".

La risposta standard del docente medio è sempre la stessa: "capire il passato ci fa capire il presente!".

Sarà poco originale, ma è pur sempre una risposta piena di saggezza, quando accompagnata da esempi "vivi".

 

Prendiamo, ad esempio, che si parli della lunga depressione di metà Ottocento o della crisi del '29.

Come non pensare ad un collegamento con i tempi di oggi?

E, come allora, come se il passato non fosse avvenuto, come se non ci avesse insegnato niente, come se non avessimo studiato Storia, noi ripetiamo sempre le stesse "scuse" per accusare qualcuno di avere provocato la crisi.

C'è la crisi, colpa...

 

1)  dell'Euro!

Meglio quando stavano le lire!

Discorso valido? Anche i Tedeschi potrebbero lagnarsi dicendo "meglio quando stava il Marco" e perché non lo fanno? Non solo perché da loro la crisi si sente meno, ma perché sono entrati nell'Euro con un cambio favorevole. La colpa è nostra, dunque, che siamo entrati nell'Euro a quel cambio!

 

2) dell'Europa!

Perché? Perché l'Europa avvia procedure di infrazione contro l'Europa, bacchetta i nostri conti pubblici ecc... Ma è colpa dell'Europa se i conti pubblici italiani, il debito pubblico, il pil non sono in regola? O delle leggi e dell'economia e della politica italiana?

 

3) della Germania!

Che impone a tutti l'Austerity. Discorso della cicala e della formica. L'Italia è stata cicala, la Germania formica. Perché dovrebbero darci da mangiare, ora che è inverno?


4) degli stranieri!

L'Italia va male per colpa degli stranieri!

Una volta ho ripetuto questo slogan in una classe. E ho chiesto: in Italia ci sono più Italiani o più stranieri?

Italiani!, l'ovvia risposta.

Altra mia domanda: e come si può dire che l'Italia va male per i pochi stranieri se poi i tanti Italiani non si comportano bene?

Se l'Italia non va è, dunque, colpa - per lo più - degli Italiani.


Stessi slogan di sempre, dunque. Stessi slogan di un normale periodo di crisi economica (morale, culturale, ecc...).