I miei libri
Libri pdf
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish



Libri pdf
Home POETI La differenza tra gloria e popolarità in Cicerone

La differenza tra gloria e popolarità in Cicerone


Share

Marco Tullio Cicerone scriveva le Tusculanae Disputationes all'incirca nel 45 a.C.

Ho letto questo passo che mi sembra molto importante, parlando di anima e di corpo e di come si curi l'uno e non l'altra.

Cicerone è autore morale. Fa sempre differenza tra i buoni e i cattivi. Vero è che egli è sempre tra i buoni ma quando s'accorge di avere sbagliato (non sempre) lo ammette.

Qui fa una differenza tra gloria e popolarità che è di una duemillenarietà straordinaria. Egli afferma che per curare l'anima e quindi prendere la via giusta, stare nella natura umana (quella della vita retta), si deve conoscere tale differenza e preferire al via dei buoni, la gloria, fatta da azioni magnanime, che servono al pubblico, e non la popolarità, quella dell'affermazione personale, che poi umilia sé e lo Stato.

Credo sia una lezione valida ancora oggi proprio perché l'ambizione di tutta una vita per molti Greci e Romani era quella dell'eternità.

Ci sono riusciti.

Oggi noi leggiamo quello che scrivono tanti, nel mondo, come se avessero scoperto l'America e che si potrebbero leggere nelle tante pagine appassionate di tanti antichi.

L'antichità, però, non è più di moda.

Lezione anche questa dell'antico di Recanati, ma è già un'altra storia.



Tratto dal libro terzo secondo paragrafo delle Tusculanae Disputationes (pag. 201 Oscar Mondadori a cura di Alfredo Di Virginio)

II. [3]Accedunt etiam poÎtae, qui cum magnam speciem doctrinae sapientiaeque prae se tulerunt, audiuntur leguntur ediscuntur et inhaerescunt penitus in mentibus. Cum vero eodem quasi maxumus quidam magister populus accessit atque omnis undique ad vitia consentiens multitudo, tum plane inficimur opinionum pravitate a naturaque desciscimus, ut nobis optime naturae vim vidisse videantur, qui nihil melius homini, nihil magis expetendum, nihil praestantius honoribus, imperiis, populari gloria iudicaverunt. Ad quam fertur optumus quisque veramque illam honestatem expetens, quam unam natura maxime anquirit, in summa inanitate versatur consectaturque nullam eminentem effigiem virtutis, sed adumbratam imaginem gloriae. Est enim gloria solida quaedam res et expressa, non adumbrata; ea est consentiens laus bonorum, incorrupta vox bene iudicantium de eccellenti virtute, ea virtuti resonat tamquam imago; quae quia recte factorum plerumque comes est, non est bonis viris repudianda.

[4] Illa autem, quae se eius imitatricem esse volt, temeraria atque inconsiderata et plerumque peccatorum vitiorumque laudatrix, fama popularis, simulatione honestatis formam eius pulchritudinemque corrumpit. Qua caecitate homines, cum quaedam etiam praeclara cuperent eaque nescirent nec ubi nec qualia essent, funditus alii everterunt suas civitates, alii ipsi occiderunt. Atque hi quidem optuma petentes non tam voluntate quam cursus errore falluntur. Quid? qui pecuniae cupiditate, qui voluptatum libidine feruntur, quorumque ita perturbantur animi, ut non multum absint ab insania, quod insipientibus contingit omnibus, is nullane est adhibenda curatio? utrum quod minus noceant animi aegrotationes quam corporis, an quod corpora curari possint, animorum medicina nulla sit?