I miei libri
Libri pdf
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish



Libri pdf
Home POETI La poesia romanesca

La poesia romanesca


Share

LA POESIA ROMANESCA


Il Romanesco è una lingua particolare. Un dialetto, come tutti i dialetti d'Italia, impastato di latino e di volgare (latino e lingue locali, più le sopraggiunte nuove lingue barbare). Però il romanesco è, si può dire, erede più diretto del latino classico in quanto latino della città e non della campagna o della provincia. E di che città! L'Urbe!

Il Romanesco ha, dunque, almeno idealmente una carica ulteriore di forza e di tradizione. Ma non si creda che il Romanesco sia una lingua seria o seriosa. Ah no! Il Romenesco è lingua di ironia finissima, di satira argutissima e comicissima, di immediatezza atterrente e che lascia l'altro senza parole di difesa.

Basti pensare che è con questa lingua che il popolo romano, se perdeva con le armi la legge, non perdeva mai la dignità di dire al potere ciò che era.

 



1600



GIOVANNI CAMILLO PERESIO

(Il Jacaccio, overo il Palio conquistato)


GIUSEPPE BERNERI

(Meo Patacca)



1800



Giuseppe Gioacchino Belli (Sonetti), la più mirabile esecuzione di scritti in lingua romanesca che hanno descritto Roma dal punto di vista di ogni personaggio, con la massima musa, con il sommo disprezzo per l'ingiustizia, il fanatismo (vaticano e popolare), l'ignoranza, la corruzione (nepotismo papale, cardinalizio e nobiliare) ...

 

 


Cesare Pascarella

Cesare Pascarella.

 

 

 


Giggi Zanazzo

Giggi Zanazzo.

 



Trilussa.

 



Mario Dell'Arco.