Vito Lorenzo Dioguardi - Blog

Libripdf.com
Libri pdf
Frasi celebri
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish
Entra nel sito



Libripdf.com
Libri pdf
Home Home Blog Blog La legge è uguale per tutti

La legge è uguale per tutti


Share

Nuovo scandalo, in Italia.

Il Bel Paese sembra non avere pace. I frutti di una classe diringeziale tutta marcia, compromessa e moralmente putrida e sozza vengono a galla ora per questo ora per quello.

 

Adesso tocca niente meno che al Presidente della Repubblica, il quale, ci avvisano i telegiornali, per "alto senso dello Stato" e per salvare "l'integrità della Repubblica", vieta a dei magistrati di rendere noti alcuni passaggi telefonici scambiati con Mancino.

Dicono, è una falcoltà sempre esistita. Se non riguarda l'alto tradimento o accuse gravi riferibili alla stessa persona del Presidente, quelle prove devono essere distrutte.

Ma poi, cosa avrà detto Napolitano di così compromettente?

Si parlava della trattativa Stato-mafia, quella seguita alle bombe, quella seguita alle stragi di Capaci e Via D'Amelio.

Se qualcuno mi chiedesse, secondo te è possibile che lo Stato Italiano...

Verosimile! Verosimile, certo! Primo, perché non ha dignità, non la hanno i suoi uomini politici del passato e del presente (facendo attenzione all'uso della generalizzazione), due, perché nel Sud è sempre stato evanescente, e infine perché si è sempre cercata la via della scorciatoia, in questo Paese anziché quella di una svolta epocale.

 

Io, invece, dico: se il Presidente ha sbagliato, paghi. Come avviene negli States e in tutti i grandi Paesi del mondo.

Il Presidente è il primo dei cittadini. Non è quel grande uomo di Stato che sembra, se gli si mozza la voce quando parla con la Nazionale Italiana.

Vergogna! Vergogna!

Inoltre, dico, le ultime proposte politiche di certa parte del Parlamento, vorrebbero inclinare il popolo italiano verso la scelta del presidenzialismo.

Se in una Repubblica democratica parlamentare come la nostra, il Presidente prende tutti questi abusi, cosa sarà se diventasse una sorta di despota, per questo sempre malaticcio Paese di fantocci e di inconsistenti e iniqui e viscidi uomini senza cuore e senza patria?

 

Vito Lorenzo Dioguardi

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 28 Novembre 2012 13:25)