Vito Lorenzo Dioguardi - Blog

Libripdf.com
Libri pdf
Frasi celebri
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish
Entra nel sito



Libripdf.com
Libri pdf
Home Home Blog Blog LA RAI E LA SEVERA CACCIA AGLI EVASORI FISCALI

LA RAI E LA SEVERA CACCIA AGLI EVASORI FISCALI


Share

Lettera a cuore aperto indirizzata all'azienda Rai da un NON utente ma, comunque, cittadino di questo Paese.

 

Gent. azienda R.A.I, sede di Torino,

in data 9 settembre ho il piacere di trovare una lettera precedentemente giuntami e intitolata alla mia persona da uno dei vostri venerabili centri. Non nego che il contenuto mi era oscuro, né che pensassi, finalmente, a qualcosa di positivo, ma l'aprire la missiva per trovarvi quel che poi vi ho trovato l'ho trovato da Thriller del pomeriggio di uno dei vostri canali.

Mi spiego meglio: in questa lettera si invitava la mia persona, che non è negli elenchi abbonati RAI, a verificare se per caso avessi un televisore in casa e lo usassi per vederci canali della detta azienda SENZA PAGARE il famigeratissimo CANONE!

Per vero, una precedente parte avvetiva di considerare nulla la comunicazione qualora qualcun altro pagasse il detto canone in casa, ma a me ha fatto tanta impressione, questa comunicazione, che mi sento di non esimermi da una cortese quanto dovuta risposta.

In primis, dire ad un evasore che è evasore e, se scoperto, pagherebbe un'annosa mora, è talmente ridicolo ed imbarazzante che sembra di assistere alla formazione di uno di codesti decretini legge che il governo italiano attuale vara prima, modifica mille volte poi per poi arrivare a qualcosa di completamente opposto.

Se uno è evasore e vede la Rai ma non la paga, sa di essere in difetto. Qua in Italia tutti sappiamo di essere in difetto e penso che il mal di stomaco e il giramento di testa, se c'è stato, è appartenuto, solo per poco, alla precedente generazione poiché questa, che Voi, esimi reggitori delle pubbliche cose, avete così allevato.

Anziché minacciare bisognerebbe scovare e punire! Sarebbe "un inizio di redenzione per questo Paese", se cito bene un film dei giorni nostri.

Dopo di che vi è da considerare quanto di grottesco e fuori luogo ci sia in ciò: nell'andare buttando denaro pubblico per mandare questi "inviti alla conversione" (che, si intenda, serve più a garantire meglio i vostri stipendi che a un servizio pubblico più decoroso) piuttosto che pagare controllori che, vi assicuro, si ripagherebbero presto.

Ancora, pensate. Si fa la fila per pagare quella famosa televisione che manda in diretta le partite di calcio, le partite di calcio dico, cosa che un tempo amavo ed oggi né comincio ad avere repulsione, e ci sono tanti che non pagano Voi. Ci sarà un perché! Educazione? Può darsi, ma torniamo ad una critica precedente, la mia, invece, voleva essere un'ulteriore dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, del dato significativo che la Rai ha perso tutto quello che aveva, negli anni precedenti. E non si parla solo di soldi, questa volta. La Rai, maltrattata, gestita male, incomprendibile, ha persone l'affetto della gente. Quel popolo italiano che per tanti anni sapeva di pagare un canone a dei professionisti non a strimpellatori della Domenica, né a principi Savoia in salsa "conduttore televisivo", né a donne dai generosi decolleté che non sanno cosa sia la grammatica.

Il vostro reclutamento è peggiore di quello della scuola. E va peggiorando, senza la necessità di vedere una stessa mano dietro questo apocalittico decadimento.

Vorrei farvi notare, in ultimo, che mettere una taglia sui piccoli evasori, su un poveretto che non paga il canone (COSA INGIUSTIFICABILE! SIA CHIARO, MA SI TRATTA DI 60 EURO ALL'ANNO) è una politica molto molto corta, perpetuazione di politiche più lontane, del potere di sempre. Far pagare al popolo per sé stesso e per gli altri.

 

ANDARE A BECCARE I VERI EVASORI, QUELLI CON LE CASE IN ITALIA E ALL'ESTERO CHE NON SOLO NON PAGANO CANONE RAI IN PIù PARTI MA CHE NON PAGANO NEMMENO TASSE SU APPARTAMENTI, VILLE E GRANDI PROPRIETA'.

Cosa volete da un popolo che avete prima sedotto con la ricchezza, poi affamato di cultura e infine ridotto a essere un vecchio attore di teatro per convincere l'Europa a non lasciarci affogare (IRONIA DELLA SORTE - stessa immagine degli immigrati che invece noi lasciamo in effetti morire - Fatti loro, giusto?).

 

Con ciò sarebbe più saggio capire qualcosa da questa crisi, dal fatto che senza questa crisi chi non pagava il canone avrebbe continuato a non farlo.

 

So che la Rai si è tinta di rosa, ultimamente, e per la prima volta così fortemente. Vorrete Voi sia questo il motivo di tanta galanteria, spendere ciò della carta e l'invio, nell'illusione che un evasore vi paghi? Non è da credere, ma pure voglio crederlo! E sia! Diciamo che Lorenza Lei, Direttore Rai da poco, abbia voluto usare la via della persuasione. Che questa volesse essere una carezza al furfantello.

Se non funzionasse, valutate il mio un consiglio sincero: la migliore carezza sarebbe un più giusto esempio e la migliore persuasione una nuova morale, pubblica e privata, perché chiunque viva in Italia deve lottare prima di tutto con questo, con la propria morale.

 

P.S. - COME VEDI, CARA RAI, IL PROBLEMA NON SONO IO MA TU E NON TU MA LORO!

Auguri, per una pronta rinascita!

Ultimo aggiornamento (Venerdì 09 Settembre 2011 16:03)