I miei libri
Libri pdf
http://www.frasicelebri.it/argomento/poesia/
http://www.frasicelebri.it/citazioni-e-aforismi/frasi/amore/
Italian English French German Portuguese Russian Spanish Turkish



Libri pdf
Home STORIA Blog storico Di martedì, Floris, Crozza, Salvini e la religione

Di martedì, Floris, Crozza, Salvini e la religione


Share

 

 

Di martedì è la trasmissione di LA7 che il duo Floris-Crozza, epurati dalla Rai, ha riscritto sulla falsariga di Ballarò (passato a Giannini).

 

Floris è quel presentatore che fa la morale ai politici, cerca di metterli in difficoltà, fa osservazioni, giudica, si schiera dalla parte dei deboli, dei pensionati che non arrivano a fine mese, fa fare servizi in cui evidenzia la meschinità della politica italica e dell'uomo medio, ma quando gli è stato chiesto quanto percepisce (500.000 euro all'anno nei tanti anni di Rai) e se ritenesse "etico" percepire quella somma egli si è difeso sostenendo di fare guadagnare all'azienda (in quel caso era ancora la Rai) molto di più.

E come dire che siccome io insegno ad una settantina di alunni a scrivere, leggere e capire, loro dovrebbero devolvere a me una parte dei futuri stipendi o dei futuri compensi. Tu vuoi fare l'avvocato, 5000 euro all'anno. Tu il primario, 10.000...

Che discorso è? Se tu lavori nel pubblico, per la televisione pubblica, e fai la morale agli altri, dai anche l'esempio.

Crozza, stesso discorso. Solo che almeno Crozza è un comico. Anche bravo. A volte ha veramente risollevato il morale alle genti di questo Paese con una battuta.

Pure nella puntata del 1 Dicembre anche Crozza riscrive la storia.

Crozza, Floris, Dimartedì sono tutti laici, per chiarire.

Bene, al minuto 4 e 26 si rivolge a Salvini, altro ciarlatano prestato alla politica, il quale nella polemica sul presepe nella scuola di Rozzano ha subito cavalcato il malcontento andando di persona a portare il presepe.

 

"Salvini, nel presepe erano tutti arabi... erano arabi a parte i re magi che erano curdi....!".

Questo ha detto tra le risate generali Crozza.

Arabi?

Subito su Facebook e sui social si è scatenata un'ironia incontenibile.

Gesù era ebreo, Maria ebrea, Giuseppe ebreo di quelli tosti, discendente di Davide.

Persino Abramo non era arabo.

Gli Arabi si affacciano dalle parti della Palestina nel VI secolo.

Dunque, Dimartedì, Floris e Crozza (che non mi risulta abbiano almeno chiesto scusa) sono della stessa ignoranza di Salvini.

Salvini porta la bandiera ma se la religione dobbiamo farla spiegare ad un comico come Crozza si capisce bene che i ruoli sono distorti e che sul Cristianesimo aleggia una grandissima e visibilissima ignoranza.

Ma tanto che ce ne frega?

Tutta una storiella. Niente di vero...

Ma niente cosa?

Non so bene, ma tanto non è vero...

 

Uhm. Secoli, millenni a studiare le Sacre Scritture, pochi, pochissimi l'hanno capita e vissuta. Certo non Salvini. Certo non Crozza.

 

Studiare, prego! E percepire in rapporto agli operai in nome di cui troppo spesso si ciarla soltanto!